top of page

BISOL Group – un Produttore Europeo di moduli FV che rifiuta il lavoro forzato

L’industria fotovoltaica di tutto il mondo è significativamente influenzata da produttori e fornitori Cinesi. In seguito alle nuove ricerche riportate questa settimana dalla CNN, che suggeriscono che una parte importante di essi potrebbe essere correlata allo sfruttamento delle minoranze, BISOL Group, in qualità di produttore fotovoltaico, sottolinea quanto sia importante rispettare i diritti umani dei lavoratori di tutto il mondo.

Il report sul presunto lavoro forzato nella regione cinese Xinjiang accusa il Governo Cinese ed il Partito Comunista di sfruttare la popolazione Uiguri e minoranze religiose ed etniche sottoponendole a lavoro forzato e abuso fisico. Sembra che le autorità Cinesi stiano trasferendo con la forza milioni di persone dalla zona rurale ai centri industriali per poi usarli come forza lavoro nei campi di internamento e nei programmi di lavoro forzato.


Nonostante la CNN abbia dato ai produttori asiatici di moduli fotovoltaici come JA Solar, Trina, LONGi e JinkoSolar, la possibilità di esprimersi per chiarire la loro posizione, purtroppo non ha ricevuto risposta.


BISOL Group, produttore di moduli fotovoltaici ubicato in Slovenia (Unione Europea) e attivo sul mercato solare dal 2004, assicura che tutti i suoi prodotti sono realizzati senza sfruttamento del lavoro non solo all'interno delle proprie aziende, ma anche in termini di scelta attenta di fornitori di materie prime seri ed affidabili.


Secondo BISOL Group, il grave abuso dei diritti umani che sembra avvenire regolarmente in Xinjiang è sconvolgente e molto preoccupante. "È estremamente importante intervenire sull'argomento, non solo per essere totalmente trasparenti e chiarire che BISOL Group non ha alcun coinvolgimento con il lavoro forzato, ma anche per protestare a gran voce contro tali azioni e comportamenti in modo da aumentare la consapevolezza globale sulle pratiche sospette condotte da governo e produttori cinesi", afferma il Dott. Uroš Merc, fondatore e presidente di BISOL Group. “Dopo aver scoperto la crudeltà che le minoranze cinesi stanno probabilmente subendo, trovereste ancora appropriato acquistare prodotti realizzati da esseri umani sfruttati? Si può dare un prezzo al fatto di essere totalmente estranei ad ogni tipo di sfruttamento del lavoro? È vergognoso violare i diritti umani fondamentali e non ci sono scuse per non affrontare l’argomento. È tempo di ripensare ai valori e di fare la cosa giusta! Quelle persone hanno bisogno del nostro supporto così come noi avremmo bisogno del loro se la situazione fosse al contrario".


BISOL Group sottolinea da anni quanto sia importante scegliere prodotti fotovoltaici che dimostrino un solido track record, che siano tracciabili e trasparenti. I prodotti che sono progettati, realizzati, trattati, supportati e certificati in Europa rispettando per definizione questi standard. Fin dall’inizio, più di 16 anni fa, BISOL Group ha rispettato e sviluppato questi standard, per fornire sempre prodotti di prim'ordine.



Oltre ai moduli fotovoltaici, BISOL Group offre soluzioni di montaggio uniche ed è attivo negli investimenti su impianti per la produzione di energia solare. In qualità di specialista in tutti i segmenti a valle, compresi i progetti chiavi in ​​mano, BISOL Group gestisce la propria produzione e le altre attività rispettando tutti gli standard internazionali, inclusi i sistemi di gestione della qualità, dell'ambiente, della salute e della sicurezza e soddisfando tutti i criteri più severi che essi impongono.


Tutti i prodotti BISOL Group sono orgogliosamente creati senza sfruttamento del lavoro.

Commenti


bottom of page